TRAVERSATA DI CIMA TRENTA/WELSCHERBERG (m 2636) E CIMA DEGLI OLMI/ILMENSPITZE (m 2656)

Torna alle gite

Descrizione

Fatta eccezione per le cime più note, già da qualche decennio si registra anche sulla Catena delle Maddalene una frequentazione maggiore in stagione di scialpinismo che nella pratica dell’escursionismo estivo. Come succede anche nel Lagorai, per molti aspetti simile. La complessa morfologia della catena, fatta di valli e vallette, alte conche, valichi facilmente transitabili, dossi e crinali arrotondati, permette un numero veramente notevole di itinerari e di combinazioni diverse e una sempre rinnovata varietà di panorami. L’andamento poi a “spina di pesce”, allungata da sudovest a nordest, garantisce in genere buone condizioni della neve, potendo scegliere, secondo il periodo e l’innevamento, tra i più dolci e aperti pendii al sole che danno sulla Val di Non e i più faticosi e ripidi versanti nord, sulla Val d’Ultimo. Facendo base in un alberghetto di Santa Gertrude, vengono proposte le salite a due delle più alte cime delle Maddalene: un poco conosciuto percorso in traversata di Cima Trenta e un più lungo ed impegnativo itinerario a Cima degli Olmi. Quest’ultima in particolare, isolata al centro della catena, offre uno dei panorami più estesi che si possano desiderare. Entrambe ripagano la fatica con la soddisfazione di lunghe e ripide discese. Va da sé che richiedono nevi sicure.

Dettagli gita

2 giorni
12/03/2011 -> 13/03/2011
Scialpinistica
da Santa Gertrude (m 1519), in fondo alla Val d'Ultimo. Sistemazione in un alberghetto di fondovalle.
Riccardo Scalabrin e Corrado Anselmi
BS (BS)