SULLE COLLINE DI BRENDOLA

Torna alle gite

Descrizione

Situata sul margine occidentale dei colli Berici, al confine tra la pianura e le colline, Brendola è “la porta dei Berici”. L’area collinare alle sue spalle, occupata da boschi, prati e terrazzi a vigneto, è di origine vulcanica. La pianura si incunea tra i colli, ricca d’acque e sorgenti. Questo è il quadro della nostra ultima escursione dell’anno. L’itinerario proposto tocca siti di interesse naturalistico e monumentale. Il sentiero che, attraverso un fitto boschetto di carpini e roverelle, porta al ponticello sul Torrente Spessa è assai suggestivo. Qua e là tra gli alberi, sui prati e nel letto del torrente si notano affioramenti di rocce basaltiche che ricordano l’origine vulcanica della zona. Il percorso prosegue con la breve salita al Monte Spiado. Nonostante la quota veramente modesta (m 287) la cima si apre su un panorama inaspettatamente vasto, dal Monte Baldo alle cime delle Piccole Dolomiti. Sull’altro lato la sconfinata pianura. Il nostro itinerario termina toccando i ruderi della bella Rocca dei Vescovi e, ormai in paese, la notevole Casa del Vicariato del XIV secolo, due dei monumenti più importanti di Brendola.

Dettagli gita

26/11/2014
Seniores
MARIA PIA FERRON, SERGIO CAPITANIO, FRANCESCO FRUNER
T/E (T/E)
ORE 4 - DISLIVELLO 350 m