SUL “CAMINO DE SANTIAGO DE COMPOSTELA”

Torna alle gite

Descrizione

Chi è un pellegrino? Bella domanda!… Il sociologo Zygmunt Bauman contrappone il pellegrino medievale, per il quale il senso del viaggio sta nella meta, cioè nel luogo sacro, e che quindi fa del viaggio la metafora di una vita orientata alla trascendenza, ai suoi epigoni moderni, assai meno ascetici e spesso più vicini alle figure del flaneur inconcludente, del vagabondo dispersivo, o del turista edonista, e per i quali a contare è il viaggio in sé, da riempire di contenuti di volta in volta piacevoli, curiosi, o anche istruttivi, comunque estemporanei. Noi, evitando giudizi di valore e gerarchie di merito, proponiamo il Camino de Compostela agli uni e agli altri: a coloro che lo vogliano percorrere con sincero afflato, anzi fervore, religioso, e a coloro che lo intraprenderanno perchè attirati soprattutto dalla bellezza dei luoghi, dalla storicità del percorso, dalla novità di due settimane di vita mobile e piacevole con amici, e dalla prospettiva di incontri, superficiali o profondi che siano, con una folla varia, internazionale, e spesso pittoresca. Tutti si imbatteranno in ogni modo in esperienze diverse da quelle delle nostre consuete escursioni in montagna. Il tratto proposto, lungo 259 chilometri, attraversa l’intera regione della Galizia con partenza dalla splendida cittadina di Astorga, presso Leon, e rappresenta l’ultimo tratto del Camino che giunge a Santiago dalla regione pirenaica francese attraverso il nord della Spagna. Si cammina dalle 5 alle 8 ore al giorno, si dorme in alberghi del pellegrino e si mangia presso bar e ristorantini locali.

Dettagli gita

15 giorni
26/09/2007 -> 10/10/2007
Escursionistica
Flavio Giuliani
F (Alpinistica)