SEI 3000 IN QUATTRO GIORNI

Torna alle gite

Descrizione

Impegnativa escursione ad alcune delle cime più belle sulla cresta di confine, a cavallo tra l’italiana Valpelline e la svizzera Val d’Hérens (Arolla). Insolite e sorprendenti vedute ravvicinate su un paio dei più bei Quattromila del Vallese. Sono salite non difficili, max PD, in parte su ghiacciaio, in parte per creste rocciose con passaggi fino al II grado, ma in ambiente severo ed aspro. Richiedono attrezzatura completa da alpinismo, prudenza e soprattutto esperienza adeguate.

Il programma in estrema sintesi.

Da Place Moulin salita al Rifugio Aosta (m 2781, pernottamento, disl. 800 m). Salita al Col de la Division (m 3314) e ascensioni alla Tête de Valpelline (m 3802, F+) e alla Tête Blanche (m 3710, F+). Quindi, passando per il Col du Mont Brulè e il Col de Collon (m 3068), traversata al Rifugio Nacamuli (m 2818, disl. 1450 m, pernottamento). Salite a La Vierge (m 3231, F II), a Punta Kurz (m 3496, PD-) e al Mont Brulè (m 3591, PD) e ritorno al Rifugio Nacamuli (disl. 1100 m, pernottamento). Attraverso il Col de Collon e il Col de l’Évêque (m 3379) salita all’Évêque (m 3717, PD). Quindi ritorno al Rifugio Nacamuli e discesa a Place Moulin.              

Iscrizioni   giovedì 16 luglio

 

Dettagli gita

4 giorni
30/07/2020 -> 02/08/2020
Alpinistica
Alpi Pennine - Valpelline
Francesco De Boni
Mezzi propri
Completa da alpinismo