PUNTA DUFOUR (m 4634)

Torna alle gite

Descrizione

Leonardo da Vinci coltivò, nel suo soggiorno milanese, l’interesse e lo studio per i fenomeni atmosferici e sicuramente non sfuggì al fascino del “Momboso”, che “passa tutti li nuvoli”, e da dove egli vedeva nascere i quattro maggiori fiumi d’Europa. Nell’antologia dei precursori e dei loro elogi per il Monte Rosa ci sono poi naturalmente gli inglesi. Per lady Cole “niente è più affascinante della mole stupenda del Rosa: lo scenario ha una grandezza maestosa e severa”. E William Brockedon, vedendoselo comparire all’improvviso al Passo del Moro, parla di uno “spettacolo indimenticabile: merita da solo il viaggio dall’Inghilterra”. La Punta Dufour è la cima più alta del massiccio del Monte Rosa e della Svizzera, sentinella di roccia e di ghiaccio il cui primo tentativo di salita con gli sci, nel 1898, è entrato a far parte della storia e della leggenda dello sci-alpinismo. Il susseguirsi di imponenti bacini glaciali, dalle ampie distese del Gornergletscher ai tormentati crepacci del Monte Rosagletscher, accompagna la salita fino alla sella a 4359 metri dove, posati gli sci, si va con percorso alpinistico in vetta.

Dettagli gita

2 giorni
26/05/2007 -> 27/05/2007
Scialpinistica
da Zermatt (Mattertal) con il trenino a cremagliera del Gornergrat alla stazione intermedia di Rotenboden
Lorenzo Taddei
OSA (OSA)
1° giorno: ore 2; m 600. 2° giorno: ore 6/8; m 1850