PUNTA DI ELGIO/HELGENHORN (m 2837) E CORNO ORIENTALE DI NEFELGIÙ (m 2870)

Torna alle gite

Descrizione

 Le cime più alte e note della Val Formazza, dal Basodino all’Arbola, dal Blinnenhorn alla Punta del Sabbione, emergono da vaste distese di ghiacciaio, quali normalmente si incontrano a quote più elevate, per quanto negli ultimi tempi si siano fortemente ritirate. Questo ha fatto dell’alta valle quasi un sinonimo di scialpinismo, fin dai tempi dei pionieri dello sci in Italia, al punto che spesso alcune vette registrano una frequentazione maggiore a primavera che non in estate.
Facendo base in un alberghetto nella conca di Riale, alla testata della valle, proponiamo due mete scialpinistiche un po’ insolite e poco conosciute, almeno da noi. Dapprima la facile e divertente salita alla Punta di Elgio/Helgenhorn, buon punto panoramico sul Basodino, su aperti pendii al sole. Il giorno dopo, il Corno Orientale di Nefelgiù sul versante opposto della valle. Qui la favorevole esposizione a nord del lungo e selvaggio vallone che conduce alla vetta dovrebbe regalare una stupenda sciata su nevi polverose.

Dettagli gita

2 giorni
17/03/2012 -> 18/03/2012
Scialpinistica
Riccardo Scalabrin ed Enzo Ottolini.
BSA (BSA)