PIZZO DEL DIAVOLO DI TENDA (m 2914) E MONTE AGA (m 2720)

Torna alle gite

Descrizione

Non è la cima più alta (è solo la quinta), ma sicuramente è una delle più famose e belle delle Alpi Orobie. Per lo slancio e l’eleganza delle sue forme perfettamente piramidali il Pizzo del Diavolo di Tenda è noto fin dagli albori dell’alpinismo come il "Cervino della Bergamasca". La quota elevata e la posizione isolata lo rendono privilegiato punto d’osservazione su gran parte della catena orobica e sulla frastagliata linea delle Alpi Retiche, dal Badile al Bernina.

La salita alla cima, valutabile al grado minimo dell’alpinismo, è una lunga impegnativa ascensione che conviene distribuire su due giornate, pernottando al Rifugio Fratelli Longo. Si ha così l’opportunità di salire anche la vicina vetta del Monte Aga. Siamo alle sorgenti del Brembo, la zona è ricca d’acqua, di laghi, laghetti e torbiere fiorite di eriofori e sulle ripide coste di sfasciumi, per molti mesi all’anno coperti di neve, non è raro scorgere la Viola Comollia,  bel endemismo orobico dai petali color ciclamino. E poi, appena fuori dai percorsi battuti, è frequente l’incontro con branchi di stambecchi, reintrodotti nel 1987 con il rilascio di alcuni esemplari provenienti dal Gran Paradiso.

Dettagli gita

2 giorni
11/09/2010 -> 12/09/2010
Canyoning
da Carona, in fondo alla Val Brembana.
Lidio De Gaspari.
F (Alpinistica)
1° giorno: ore 7; m 1600. 2° giorno: ore 6,30; m 1100.