PIZ DE SAGRÒN (m 2486)

Torna alle gite

Descrizione

Non c’è alcuna Cima Cimònega. Caso piuttosto insolito, l’omonimo gruppo che comprende alcune delle più belle e solitarie cime delle Dolomiti Feltrine, prende nome da una casèra che sta più in basso, alla testata della valle del torrente Caoràme. La corona di vette che la circondano: Sass de Mura, Piz de Mez, Piz de Sagròn, Comedòn, Sasso Largo, invita a divertenti salite alpinistiche, né lunghe né particolarmente difficili. Una delle più attraenti e relativamente più frequentate è quella al Piz de Sagròn, non solo per l’ampiezza del panorama, ma anche per la logica naturalezza del percorso, individuato già in occasione della prima salita il 16 agosto 1877 dal pioniere dell’alpinismo agordino Agostino Tomè. Salita bella e varia, non difficile, a tratti esposta. Ma anche l’avvicinamento lungo il bel “Sentiero dei Caserin”, le verdi conche del Pian del Re e Pian della Regina ai piedi delle pareti, e la calda accoglienza nel semplice Rifugio Bruno Boz, sono parte non ultima del piacere di questa ascensione.

Dettagli gita

2 giorni
23/09/2006 -> 24/09/2006
Canyoning
da Imèr, 3 km a sud di Fiera di Primiero, si risale la Val Noana fino al parcheggio in loc. El Belo.
Angelo Mazzi e Fabio Veronese.
F (Alpinistica)
1° giorno: ore 1,30; m 550. 2° giorno: ore 9,30; m 700.