MONTE VEDORCIA (m 1852)

Torna alle gite

Descrizione

E’ un rilievo poco evidente, il Monte Vedorcia, giusto alle spalle del Rifugio Tita Barba, in estate completamente ricoperto dai mughi. Si allunga però sul fondovalle cadorino a regalare un panorama unico. Vicinissime, quasi incombenti, le crode degli Spalti di Toro, dei Monfalconi e del Crìdola si stagliano contro il cielo in un’unica, lunga cresta merlata. Sull’altro lato della valle, Pelmo e Civetta, Marmarole e Antelao.
L’itinerario è semplice. Dal Lago di Centro Cadore, superata la diga, si sale per ripida e tortuosa stradina forestale alla Casera Tamarì. Poi il terreno si addolcisce, si esce dal bosco e, per radure e grandi pascoli punteggiati dai caratteristici tabià di larice annerito dagli anni, si arriva al rifugio e da lì, liberamente, in cima.
Escursione senza difficoltà, ma lunga e di buon dislivello. Sempre sicura, consigliata con tanta neve o dopo recenti nevicate.

Dettagli gita

21/01/2012
Escursionistica su neve
da loc. Fienili Zaresere, raggiunta da Pieve di Cadore passando per frazione Sottocastello.
Andrea De Togni
E (Escursionistica)
ore 4.30; m 1150