MONTE TOTÒGA (m 1705)

Torna alle gite

Descrizione

Sovrastante la confluenza dei torrenti Vanòi e Cismon, il Monte Totòga è punto panoramico di grande interesse verso il massiccio di Cima d’Asta, la parte centrale del Lagoraì, le Pale di San Martino e la conca di Primiero. Durante la grande guerra fu fin dall’inizio importante osservatorio di seconda linea. In pochi mesi, nel 1917, fu realizzata sotto la vetta una vera e propria fortezza in caverna (gli Stoli del Totòga), con gallerie a vari livelli. Servì a ritardare di pochi giorni il ripiegamento del fronte italiano dopo Caporetto.
I suoi ripidi fianchi rocciosi e i fitti boschi non favoriscono certo la frequentazione della montagna, che rimane limitata a pochi sentieri ed alcune stradine militari. Discorso a parte per la crescente presenza di climbers sul calcare giallo e rosso delle sue falesie, sulle quali, a partire dal 1979, Manòlo (Maurizio Zanolla) ha aperto oltre un centinaio di vie, anche di estrema difficoltà.

Dettagli gita

23/06/2010
Seniores
dal Passo della Gòbbera, poco oltre l'uscita della galleria del Totòga, proveniendo da Imèr
Armando Capuzzo, Isabella Bravi e Luisa Bresciani.
E (Escursionistica)
ore 5,30; dislivello m 750.