MONTE TOMATICO (m 1595)

Torna alle gite

Descrizione

 Ultima, isolata sommità settentrionale del massiccio del Grappa, il Monte Tomatico domina la Val Belluna, giusto a mezzogiorno della città di Feltre. Nelle limpide giornate invernali la vista dalla cima si apre ad uno spettacolare giro d’orizzonte, che va dalle coste dell’Alto Adriatico alle Dolomiti, dagli articolati rilievi nordoccidentali del Grappa al lungo crinale del Cesen, che si segue fino ai monti che a semicerchio chiudono l’Alpago. Di contro, sull’altro versante della valle, le Vette Feltrine e le pareti del Pizzocco e del Cimònega. Al piede della montagna, lo sguardo accompagna verso sud il corso del Piave che sbuca in pianura fra i colli della Marca.

La cima è frequentemente raggiunta un po’ da tutti i versanti e in tutte le stagioni. Se d’estate e d’autunno si privilegiano spesso gli itinerari che risalgono le boscose coste della Val del Piave e della Val di Schievenin, d’inverno si può più piacevolmente percorrere la lunga strada forestale che dal paese di Porcén, a una manciata di chilometri da Feltre, raggiunge la facile dorsale di prati della cima. Iniziando a quote molto modeste, è possibile tuttavia che la prima parte dell’itinerario, nonostante la favorevole esposizione a nord, sia povera di neve. In questo caso si potrà optare per la bella mulattiera che risale il lungo costolone nordorientale del monte. Con buon innevamento invece, utile soprattutto ad evitare la bassa vegetazione di cespugli che intricano il percorso sul ripido versante orientale della cima, si potrà scendere per i ruderi di Casera Boemia a prendere la forestale che per la costa del Monte Cesaretto scende alle case di Tomo, dove avremo lasciato un’auto.

Dettagli gita

05/01/2013
Escursionistica su neve
dalle ultime case di Porcèn, 4 km a sud di Feltre, si sale fino al Colle La Croce
Alberto Perolo.
E (Escursionistica)
ore 6; dislivello m 1050.