MONTE SPIL (m 1703)

Torna alle gite

Descrizione

Stanchi di correre sempre più lontano a cercar la neve (e ci saranno, temiamo, frequenti occasioni per farlo ancora) proviamo stavolta a proporre la prima gita del nuovo anno non distante da casa. E se poi la neve dovesse mancare, sarà in ogni caso un bel inizio d’anno in compagnia sulle larghe dorsali e gli alpeggi del settore nordoccidentale del massiccio del Pasubio.

Quello che abbiamo scelto è forse uno degli itinerari meno noti e frequentati tra quanti partono dal piccolo abitato di Giazzèra. Sicuramente incontreremo altri escursionisti e scialpinisti al parcheggio poco sopra il paese (e non importa se è la mattina di Capodanno, basterà un po’ di neve e almeno un occhio di sole tra le nuvole), ma saranno tutti diretti alla bella cupolona del Col Santo, ai pascoli dell’Alpe Alba o al Rifugio Lancia all’Alpe Pozze. Noi li lasceremo presto, dopo un primo breve tratto comune, per attraversare sull’opposto versante della Valle dell’Orco e raggiungere il costolone settentrionale del Monte Spil. Dolce salita alla vetta e tranquilla discesa poi per Bocchetta Foxi e Malga Zocchi. L’itinerario si sviluppa in ambiente solitario e appartato, dapprima su facile strada militare e quindi, nella parte alta, su terreno aperto, di prateria alpina e rado bosco. Risulterà poco impegnativo, sempre al sole e sicuro anche dopo abbondanti nevicate: ideale per una breve giornata invernale, senza forzare a levatacce e partenze antelucane.

Dettagli gita

01/01/2013
Escursionistica su neve
dal parcheggio al termine della strada che dalla Vallarsa sale a Giazzéra
Lia Provolo e Alberto Marchi
E (Escursionistica)
ore 5,30; dislivello m 750.