MONTE OBANTE (m 2072)

Torna alle gite

Descrizione

 È una delle cime più alte del Carega e punto culminante di un’impressionante bastionata rocciosa che precipita sulla Val dell’Agno, ma dal versante veronese dell’alta Val di Revolto l’Obante è una montagna mal definibile. Si presenta come un lineare crestone che si stacca dalla Bocchetta Fondi verso sudest e s’abbassa con magri pascoli e pendii detritici nel Vallone di Campobrun. Ben diversa la vista che propone sul versante di Recoaro: un’alta, frastagliata e incombente parete, che è all’origine del nome stesso della montagna. Di chiara derivazione “cimbra”, Ob-bant, doveva valere come “parete rocciosa che sta al di là o sopra”, in questo caso al di là del Fum-bant, “parete rocciosa sui prati”, il Fumante.
Raggiungerne la cima è facile e piacevole. Dal Rifugio Scalorbi basta seguire la mulattiera d’arroccamento fin sotto Bocchetta Fondi e proseguire sul sentierino, anch’esso di chiara fattura militare, che corre in quota a ridosso del crinale, con frequenti, begli scorci sul Fumante e il Pasubio da un lato, sul vallone di Campobrun e Cima Carega dall’altro.  

Dettagli gita

26/09/2012
Seniores
da Revolto.
Claudio Tubini e Isabella Bravi.
E (Escursionistica)
ore 4,30; m 750