MONTE MONDEVAL O CORVO ALTO (m 2335)

Torna alle gite

Descrizione

Lunga, bellissima camminata su terreno aperto e solare, generalmente sicura, nella quiete di alpeggi talmente ampi e dolci da avere pochi confronti nelle Dolomiti. A giro d’orizzonte, sopra radi boschi di larice, la vista spazia sulle principali montagne del Cadore ritornando poi sempre alle più vicine guglie e torri delle Rocchette e del Becco di Mezzodì. La divertente discesa dalla cima, ripida ma generalmente sicura con un’opportuna scelta del percorso, può essere magnificamente prolungata dalla Malga Mondevàl di Sopra fino a località Tòffol, in Val Fiorentina. Non tutti sanno che il Monte Mondeval, prima ancora che agli escursionisti, è noto agli studiosi di paleontologia. Fu infatti sulle pendici di questa montagna che Vittorino Cazzetta da Pescul di Selva di Cadore, appassionato geologo e storico della propria terra, scoprì nel 1987, sotto un masso erratico di dolomia, la sepoltura di un cacciatore preistorico, completa di corredo funerario collocato attorno allo scheletro. Cazzetta aveva notato alcuni reperti, in particolare manufatti litici e resti di pasto, nel terriccio accumulato da una marmotta impegnata nello scavo della propria tana. Il curioso rinvenimento, esposto al museo di Selva di Cadore, è di grande interesse perché è, ad oggi, l’unica sepoltura mesolitica rinvenuta ad alta quota (m 2150 circa)

Dettagli gita

01/03/2009
Escursionistica su neve
da quota 1665 della strada che dalla Val Fiorentina sale a Forcella Staulanza
Andrea de Togni
E (Escursionistica)
ore 6,30; m 800