MONTE CONCHE (m 1156)

Torna alle gite

Descrizione

Nelle giornate di buona visibilità il Montre Conche vanta una schiera di appassionati frequentatori perché dalla sua cima lo sguardo spazia in ogni direzione: le montagne della cerchia alpina ad ovest e a nord, il bacino meridionale del Garda ad est e il profilo degli Appennini a sud. L’ascensione si snoda lungo le valli Listrea e delle Monache, tra boschi e verdi ripiani, iniziando da una cascatella e proseguendo su sentieri e mulattiere tra castagni e santelle che affiancano il cammino. In prossimità della cima, in un’ampia conca prativa, s’incontra il santuario, abitato fino al 1700, da una comunità femminile agricolo-pastorale fondata nel 1116 dall’eremita San Costanzo; vi fu una sola interruzione nel XIII secolo, quando l’eremo divenne sede d’una piccola comunità di Frati Umiliati, ordine religioso laico, sorto nel XII secolo in Lombardia, in un clima mistico-sociale che si ispirava al valore cristiano della povertà. Al pari di altri movimenti di quel tempo (Francescani, Patarini, ecc…) anche gli Umiliati vivevano di sola elemosina e del proprio lavoro, dedicandosi alla fabbricazione dei panni più modesti, quelli ricavati dalla lana non tinta. Composto da un rustico, dalla chiesetta medievale con una torre di pietra romano-gotica, e dal convento, l’eremo è circondato da un’atmosfera di silenzio, meditazione e pace.

Dettagli gita

09/04/2008
Escursionistica
da Nave, loc. Piezze, a 10 km da Brescia
Franco Zanoni e Renato Castelli
E (Escursionistica)
ore 5; m 900