LE CONTRADE TRA ROVERÈ E VELO

Torna alle gite

Descrizione

Escursione nell’area che per prima vide alla fine del XIII secolo l’insediamento dei coloni Cimbri, originari della Baviera e provenienti dall’Altopiano dei 7 Comuni. Nel 1287 il Vescovo di Verona Bartolomeo della Scala diede in affitto ad un gruppo di questi coloni la zona di Roverè per produrre carbone. Il territorio concesso, disabitato e costituito da boschi, come descritto dal contratto di affittanza corrispondeva alle località di Roverè con Cantero, Cavrara e Salaorno. La zona è ancora ricca di interessanti elementi architettonici del passato come le fontane coperte di contrada Erbisti e Frulle, i portali a Sengio, il capitello quadrifronte di Velo, la bellissima crocifissione in località Cappelletta e le grandi croci in pietra di Crosara e di Monte Stoz

Dettagli gita

12/03/2008
Escursionistica
da Roverè
Vanio Piva e Armando Capuzzo
T/E (T/E)
ore 5; m 400