KÄLBERBERG (m 2736) E TELLAKOPF (m 2525)

Torna alle gite

Descrizione

Lungo il confine svizzero della Bassa Engadina, tra la Val Müstair (Val Monastero) e la Rojental (Val Roia), molte delle cime “minori” del gruppo del Piz Sesvenna, spesso di interesse esclusivamente panoramico, risultano particolarmente adatte alla pratica dello scialpinismo, per nevosità, esposizione dei versanti e pendenze medie. Succede così che siano più frequentemente raggiunte con gli sci a primavera che non durante la stagione estiva. E questo è senz’altro il caso delle due mete proposte per questo breve finesettimana tra le vallette secondarie e i tranquilli paesini dell’Alta Val Venosta. Entrambe le cime hanno in comune l’ampio giro d’orizzonte, la bellezza del paesaggio ancora pressoché intatto (l’intera zona è faunisticamente protetta) e la possibilità di lunghe e divertenti discese, senza la fatica di dislivelli eccessivi.