IL SENTIERO DELLE MEATTE

Torna alle gite

Descrizione

 Interessante escursione d’inizio primavera sul versante meridionale del Monte Grappa, seguendo vecchie mulattiere militari, spesso ben conservate, a tratti realmente spettacolari. Un itinerario di sicuro interesse storico e di grande fascino ambientale. Lo sarebbe anche da un punto di vista botanico, perché l’ambiente rupestre prealpino e le nebbie frequenti che mantengono d’estate basse temperature e costanti condizioni d’umidità hanno determinato le condizioni per il concentrarsi in questi luoghi di molte rarità vegetali: spettacolari fioriture di ambiente di roccia, di canalone e di prati rupestri… e, anche se il sentiero si snoda a quote relativamente modeste, molte entità tipiche delle Dolomiti.

Ma è un po’ presto per le fioriture. Ci accontenteremo dei primi due motivi di interesse. Sicuramente merita attenzione, per la sua arditezza, il tracciato della mulattiera. Venne realizzata dal Genio militare come opera di immediata retrovia per muovere rifornimenti e truppe al riparo dal tiro del nemico, che era attestato su parte dei Salaroli e del Monte Spinoncia, le due dorsali del Grappa poste, rispettivamente, a nordovest e nordest delle Meatte. Suggestivo poi il paesaggio nel quale ci si muove, una vera scogliera rupestre e selvaggia che si erge poderosa sulla Valle di San Liberale. E infine, se la giornata è limpida, come spesso succede a prima primavera, stupendo il colpo d’occhio, dalla pianura al mare.

Dettagli gita

24/03/2013
Escursionistica
da Crespano per località Quattro Spade e la valle di S. Liberale fino all’omonimo rifugio-albergo
Rossella De Vecchi
E (Escursionistica)
ore 5; dislivello m 900.