IL GIRO DI ROCCA PIA

Torna alle gite

Descrizione

Al margine occidentale della Lessinia, sul bordo del salto con cui le ultime ondulazioni dell’altopiano precipitano sulla Val d’Adige, un facile percorso conduce all’isolato e panoramico spuntone di Rocca Pia, proteso sulla valle.  Per secoli tutta la zona fu terra di confine e il piccolo passo, aperto tra la Rocca e le strapiombanti pareti del Corno d’Aquilio, fu luogo di transito.Restano i cippi del 1754 tra Repubblica di Venezia e Casa d’Austria, divenuti dopo il 1815 limite territoriale tra Regno Lombardo-Veneto e Provincia del Tirolo. Così come rimangono i resti di alcune ridotte e fortificazioni del successivo Regno d’Italia.
Come per gran parte delle alte terre venete, il confine rappresentò anche una risorsa. Un po’ ovunque si sviluppò una diffusa attività di contrabbando, qui in particolare di zucchero, e del tabacco che si coltivava e si lavorava in Val d’Adige, nella piccola manifattura del confinante paese di Ala. Tanto importante era quest’attività che quando cessò, al termine della prima guerra mondiale, a molte comunità non rimase altra scelta che l’emigrazione e intere contrade si spopolarono.

Dettagli gita

21/09/2011
Seniores
da Contrada Tommasi, poco a monte di Fosse
Adelino Crema, Carlo Grazian e Giuseppe Golia
E (Escursionistica)
ore 4.30 - m 200