I CARAIBI DI 230 MILIONI DI ANNI FA

Torna alle gite

Descrizione

 Spesso andando in montagna ci siamo chiesti perché la cima ha quel profilo o perché le rocce sui versanti hanno quei colori. Quasi sempre è la natura geologica delle montagne a determinarne l’aspetto. In questa escursione in compagnia d’un esperto geologo potremo esaminare i complessi fenomeni che hanno portato alla formazione delle maggiori pareti  dolomitiche, imponenti resti di quelle che vengono chiamate “piattaforme carbonatiche”. Riconosciute come classiche scogliere coralline già nel 1860 dal barone F. von Richthofen (lo zio di Manfred, il Barone Rosso) altro non sono che il frutto dell’attività biologica di diversi organismi costruttori (alghe, coralli, molluschi, etc.), modificato da una complicata storia di trasformazioni geologiche. Così, durante l’escursione, proveremo non solo ad identificare le rocce che formano le Dolomiti ma anche ad immaginare l’aspetto che queste scogliere coralline e il paesaggio circostante avevano 230 milioni di anni fa.
Talvolta vale la pena soffermarsi a guardare le più belle cime dolomitiche con occhi diversi. Oggi le Odle, in altre occasioni, chissà, il Catinaccio, il Sella, la Marmolada…

Dettagli gita

29/09/2012
Escursionistica
Per approfittare al meglio di quanto ci verrà illustrato è prevista per il giovedì 27 settembre in sede alle ore 21 una serata di introduzione agli aspetti geologici dell’escursione.
Michele Sapigni e Alberto Perolo.
E (Escursionistica)
ore 7; m 1000 (1200 in discesa).