GROSS VENEDIGER (m 3674)

Torna alle gite

Descrizione

Grandiosa montagna, situata nel cuore degli Alti Tauri, vasta regione di ghiacciai fra Tirolo, Carinzia e Salisburghese e uno dei paesaggi naturali più maestosi dell’Austria, da sempre punto di riferimento nei passaggi tra nord e sud in questo settore delle Alpi; pare infatti che il termine tauer indicasse proprio i valichi più alti. Il nome della cima è invece più curioso e l’ammiraglio della Serenissima che il 7 ottobre 1571 sconfisse la flotta ottomana nei pressi di Lépanto, piccola isola dell’Egeo nel golfo di Corinto, non avrebbe mai immaginato che gli venisse dedicata nientemeno che una delle più alte montagne dei Tauri. Ma Lépanto, che oggi come allora richiama gli scontri di civiltà, scatenò l’immaginario dell’Occidente, sollevò nuvole d’incenso e te deum di ringraziamento, fu evocata per secoli attorno ai focolari e negli ex voto: lanterne di galere, cannoni, bandiere, stendardi deposti nella penombra delle cattedrali. Le furono dedicate tele a olio, colonne votive, porte di mare e di terraferma e persino montagne: il Gross Venediger appunto, il “Grande Veneziano”, l’ammiraglio Sebastiano Venier. Salita lunga, ma non troppo impegnativa, solitamente ridotto il pericolo di valanghe, sempre presente invece il rischio rappresentato dai crepacci.

Dettagli gita

2 giorni
24/04/2007 -> 25/04/2007
Escursionistica su neve
dal parcheggio della Matreier Tauernhaus, raggiunta via Lienz e Matrei in Osstirol
Corrado Anselmi e Alberto Perolo
EEA/F (EEA/F)
1° giorno: ore 5,30; m 1.300. 2° giorno: ore 8/9 (di cui 4 per la salita); m 900