DA SAN MARTINO DI CASTROZZA AL PASSO ROLLE

Torna alle gite

Descrizione

Nelle sue Italian Alps, cronache di alpinismo del 1875, Douglas W. Freshfield faceva queste considerazioni: “Dal Passo Rolle si vede tutta la catena, dalla Pala alla punta del Cimèrlo, da cima a fondo, e l’unica pecca del panorama, se ne esiste una, è quella di essere troppo vicini alle montagne. A Campiglio si desidera avvicinarsi alle vette; qui, al contrario, di ritirarsi sulle alture opposte da dove se ne possono ammirare, separatamente una o due per volta….”. E dal momento che di Freshfield, grande alpinista, primo salitore, a 19 anni, di Cima Presanella, e soprattutto raffinato scrittore di cose di montagna, ci si può fidare, lo prendiamo in parola, proponendo una facile escursione sul versante occidentale del Passo Rolle, sulle prime elevazioni della catena del Lagorai. Percorrendo gli scoscesi versanti di rocce nerastre della Cavallazza, su sentieri che portano ancora tracce profonde della grande guerra, avremo scorci stupendi sulle cime meridionali delle Pale. E poi, sulla via del ritorno, alla discesa verso Passo Rolle, guardando, tra le scure abetaie che circondano i laghi di Colbricòn, le pareti del Cimòn, della Vezzana, dei Burelòni e delle Cime di Valgrande, dorate nella luce della sera, non potremo che concordare con le conclusioni di Freshfield: “… non so immaginare un luogo più bello, sia per i rocciatori che per gli oziosi”.

Dettagli gita

16/07/2014
Seniores
Renato Castelli e Claudio Tubini
E (Escursionistica)
ore 4,30 - m 300