CIMA TOSA (m 3173) – via Migotti

Torna alle gite

Descrizione

Indiscussa regina delle Dolomiti di Brenta: la più alta e conosciuta. Canaloni ghiacciati e grandiose, compatte pareti sostengono la singolare calotta sommitale di neve. Negli ultimi anni, a dir il vero, penosamente ridotta. Proprio questo candido cupolotto, secondo l’ipotesi che gode di maggior credito, avrebbe dato il nome alla montagna, altrimenti indicata come Cima Nardis o confusa con una delle tante Cima Brenta dai primi salitori: "Tosa" come testa canuta o meglio tonsurata.

Il panorama è vastissimo, non solo sul selvaggio labirinto di crode del Gruppo di Brenta, ma su un giro d’orizzonte che va dall’Ortles ai Tauri, dalle Dolomiti al Monte Baldo, al cui piede si distingue l’azzurro specchio del Lago di Garda.

La classica e frequentata via Migotti, via normale dalla Val d’Ambiez, raggiunge la vetta da sud, con divertente e facile arrampicata su roccia generalmente solida. Le difficoltà, contenute ma continue, e la forte esposizione richiedono esperienza alpinistica.

 

Dettagli gita

2 giorni
07/08/2010 -> 08/08/2010
Canyoning
da Baèsa, all'imbocco della Val d'Ambiez, 4 km da S. Lorenzo in Banale.
Roberto Guastalli e Angelo Mazzi.
PD (Alpinistica impegnativa)
1° giorno: ore 4; m 1500. 2° giorno: ore 9; m 800 in salita e 2300 in discesa.