BECCO DI FILADONNA (m 2150)

Torna alle gite

Descrizione

Ardito becco roccioso che spicca all’orizzonte meridionale della città di Trento, emergendo dalla cresta sommitale della dirupata costiera con cui culmina il gruppo della Vigolana. I versanti settentrionali strapiombano a valle con impressionati salti di roccia, mentre quello meridionale digrada dolcemente nel verde anfiteatro di fitti boschi e mughi della Scanuppia. Pur così vicina alle città di Trento e Rovereto, su questo versante la Vigolana ha conservato la serena atmosfera della montagna che sovrasta gli alpeggi, con pascoli e boschi che si insinuano verso l’alta fascia di rocce carsiche. Inutile indagare l’origine del bizzarro toponimo. Sono state proposte alcune “poetiche” leggende, ma tutte sembrano costruite apposta solo per darne conto.

Dal Passo del Sommo (m 1343), si prende la forestale per il Rifugio Paradiso. Poco dopo la si abbandona e per sentiero si raggiunge il Monte Cornetto (m 2060). Da qui, seguendo il panoramico filo di cresta, con qualche su e giù tra mughi e rocce si guadagna il Becco di Filadonna. Ritorno per la stessa via. Escursione panoramica, facile e poco impegnativa.

 

 

 

 

Dettagli gita

10/05/2020
Giovani Battistini
Prealpi trentine – Passo del Sommo
Matteo Grigoletti e Lorenzo Dani  
800 m
E (Escursionistica)
Poco impegnativa
6,30 ore
Mezzi propri