ANELLO DEL TÀMER

Torna alle gite

Descrizione

Fin dagli esordi dell’alpinismo molti settori delle Alpi ebbero sentieri di traversata da rifugio a rifugio e ciò avvenne anche sulle Dolomiti occidentali e settentrionali, come quelle di Gardena e di Sesto, mentre i gruppi più meridionali rimasero ancora a lungo ignorati, privi di rifugi e sentieri turistici. Solo a partire dagli anni Sessanta del secolo scorso vennero costruiti anche su questi gruppi i primi rifugi ed aperti i sentieri di traversata. Nel 1966, in occasione della realizzazione dell’Alta Via n. 1 delle Dolomiti, fu realizzato il collegamento tra il Passo Duràn e la Casera Moschesin lungo l’intero versante agordino del massiccio del Tàmer, fino ad allora percorso solo da deboli tracce di passaggio lasciate da pastori e cacciatori. Il nuovo sentiero, senza rilevanti dislivelli, corre alla base delle guglie rocciose, in ambiente ricco di bellezze naturali. Chi viene per la prima volta in questi luoghi si stupirà di trovare forme dolomitiche imponenti, con pareti e guglie che non temono confronto, per bellezza e maestà, con i gruppi più famosi. E tuttavia, osservando le vecchie casere in rovina e i prati di monte, inselvatichiti e invasi dal bosco per l’abbandono colturale, si ha la sensazione che la zona sia ancora più solitaria e selvaggia che in passato. A chi cerca l’ambiente alpino integro e quieto questi luoghi torneranno graditi.

Dettagli gita

16/06/2007
Escursionistica
da Casera di Càleda Vecchia, sulla statale del Passo Duràn, 11 km da Agordo
Carlo Grazian e Andrea De Togni e Arnaldo Guerini
E (Escursionistica)
ore 5/6; m 500