A CASTELVECCHIO DI CALDARO PER LA RASTENBACHKLAMM

Torna alle gite

Descrizione

Le poche case del paesino di Castelvecchio, nascosto tra i boschi poco a sud di Caldaro, sorgono a mezza costa del monte, su un terrazzo naturale dal quale la vista si apre sul dolce paesaggio dell’Oltradige e della Bassa Atesina. Al confine del paese, su un bel poggio, la chiesa gotica di San Vigilio. Sulle mura del campanile uno dei più antichi affreschi dell’Alto Adige, un San Cristoforo del 1320. Poco lontano i ruderi della precedente chiesa di San Pietro.
Fra i tanti, l’itinerario più interessante per raggiungere Castelvecchio risale su scale di legno, ponti e passerelle sospese sulla romantica gola del Rastenbach. È un biotopo protetto, prezioso per la flora e la fauna delle zone umide e fresche. Il mormorio del torrente, lo scroscio delle cascate, l’edera e il muschio che ricoprono gli alberi conferiscono al luogo un’atmosfera particolare e suggestiva. La facilità del percorso contribuisce non poco alla sua frequentazione, soprattutto nelle calde giornate estive. Piacevole la discesa alla località di Sant’Antonio, tra i vigneti del Gewürztraminer, il più noto dei vini autoctoni dell’Alto Adige.  

Dettagli gita

28/09/2011
Seniores
da località san Giuseppe, sul Lago di Caldaro
Ugo Longobardi, Armando Cauzzo e Lino Zampicinini
E (Escursionistica)
ore 4; m 500